Mamma Africa ONLUS


Vai ai contenuti

Menu principale:


Coltivazione fichi d'India

Cosa facciamo > Agroforestazione


Premesse

Il fico d'India è un frutto ricco di proprietà terapeutiche tra le quali quella depurativa (ottimale per l'esplulsione di calcoli renali), quella coadiuvante nella cura dell'osteoporosi grazie alla quantità di ferro, calcio e fosforo in esso contenuti e nella cura delle parassitosi intestinali. Inoltre è indicato quale integratore alimentare per il suo apporto di fibre e come reidratante e rivitalizzante.
Ulteriore importante aspetto della coltivazione e produzione di fichi d'india - anche se poco conosciuto - è rappresentato dall'alto valore nutritivo sia della buccia che, grazie alla minore percentuale di glucosio rispetto alla polpa, può far parte della dieta alimentare (la buccia può essere cucinata fresca o addirittura essiccata per la conservazione) che delle "pale" che possono essere cucinate in vario modo (a cotoletta o al forno).
Le piante possono, altresì, essere validamente utilizzate come recinzione dei terreni destinati all’orticoltura.
I fichi d’India vengono infine ampiamente utilizzati nel settore cosmetico . Infatti le pale sono un concentrato ricco di mucillagini, vitamine ed oligoelementi oltre ad essere ricche di zuccheri che trattengono acqua e quindi un ottimo veicolo di idratazione e nutrimento. La polpa delle pale conferisce alla crema proprietà rigeneranti, cicatrizzanti, toniche, antiossidanti e disinfettanti.

Obiettivi

Dalle argomentazioni in premessa e dalla considerazione che tale tipologia di pianta non necessità di particolari cure nella sua coltivazione ne di frequenti innaffiature è scaturita l'idea di avviare nel villaggio di Ziga la produzione in quantità adeguata al fine di sfruttare quanto più possibile le grandi potenzialità di queste piante.

Metodo d'intervento
Le piante di fichi d'india non sono reperibili in loco quindi si dovrà provvedere al loro trasferimento dall'Italia e ciò avverrà in quantitativi adeguati ad ogni missione futura.

Costi
I costi di tale progetto sono alquanto contenuti in quanto costituiti esclusivamente dalle tasse da versare ad ogni richiesta di certificato fitosanitario indispensabile per il trasporto delle pale. I costi in atto sono fissati dal competente assessorato regionale in 10 euro per quantitativi entro i 10 Kg e 30 euro per quantitativi superiori.
Posto che potremo trasferire a Ziga quantitativi di volta in volta limitati dal peso massimo del bagaglio trasportabile in aereo, si stima di spendere 10 euro ad ogni missione.

Eventuali sviluppi futuri
La coltivazione sistematica, oltre a rappresentare un arricchimento nutrizionale per la stessa popolazione di Ziga, può presentare sviluppi dal punto di vista commerciale in quanto i prodotti (i frutti veri e propri) possono essere commercializzati presso il mercato della vicina città di Dedougou e costituire fonte di reddito per gli abitanti di Ziga.
E' altresì ipotizzabile una commercializzazione per uso cosmetico.

Stato di avanzamento
Nel corso della missione di giugno 2013 si è provveduto in via sperimentale a portare delle pale che abbiamo posizionato in un orto e, da quanto ci è stato riferito nel mese di agosto, queste hanno già fatto le radici.
Visto il buon esito si provvederà con le successive missioni a trasferire a Ziga il maggior numero possibili di pale in modo che nel giro di pochi anni si possano trarre benefici in favore di tutta la popolazione.


Le primissime pale piantate
cominciano a crescere...


Torna ai contenuti | Torna al menu