Mamma Africa ONLUS


Vai ai contenuti

Menu principale:


Adesso... piantiamola!

Cosa facciamo > Agroforestazione

Si tratta di un progetto di sviluppo agricolo che ha lo scopo di gestire il suolo coltivabile in ogni quartiere di Ziga, combattere la desertificazione e sostenere la popolazione durante i periodi di siccità utilizzando piante facilmente reperibili e non particolarmente costose.
E' prevista inoltre la formazione teorica e pratica per la realizzazione di concimi a partire dallo sfruttamento dei rifiuti organici. L'eccessivo uso di concimi chimici, con cui oltre al denaro vengono pagati i raccolti, ha causato l'inadirimento dei terreni adiacenti al villaggio, spingendo i lavoratori ad abbandonare le tradizionali tecniche di coltivazione e soprattutto a cercare continuamente terreni fertili. In tal modo interi nuclei familiari, bambini compresi, sono costretti ad allontanarsi dal centro abitato e vivere altrove, lavorando la terra, per diverse settimane in precarie condizioni igienico-sanitarie.
Si evitano le monoculture e lo sfruttamento intensivo del terreno in favore di fondi a coltura mista orto-arboricola per creare orti e frutteti da coltivare secondo un'antica tecnica burkinabé chiamata "zai". Sarà così possibile ridare nutrimento alla terra, incentivare le piccole coltivazioni e garantire il consumo di vitamine e minerali alle comunità.

Metodo d'intervento
Con il container giunto nel 2014 sono state inviati a Ziga diversi attrezzi agricoli ed una motozappa. Con tali strumenti si ritiene di consentire alla popolazione una lavorazione più agevole del terreno al fine di migliorarne la produttività.

Costi
I costi sono legati all'acquisto del materiale per la recinzione, sino ad ora realizzata con reti metalliche difficili da reperire in zona e pertanto non economiche. Con l'avvio della coltivazione dei fichi d'India si conta di eliminare il problema.


Torna ai contenuti | Torna al menu